Continuando la navigazione nel sito ne autorizzi l'utilizzo dei cookies. Vuoi sapere quali cookie sono utilizzati? Clicca qui per accedere alla cookie policy

Metroland Metroland Metroland Metroland

Metroland – Linea Azzurra

caratteristiche

OGGETTO:

Bando per l’affidamento della progettazione della progettazione della linea azzurra – Collegamento ferroviario Rovereto – Riva del Garda – Tione di Trento

ESITO DEL BANDO:

1° classificato raggruppamento costituito da Ingenium (con le associate Eng Group,Srl e Ingegneri Patscheider & partner Srl), Idroesse Infrastrutture srl, Geodata Engineering SpA, Studio Arch. Walter Dietl, Studio Ing. Giulio Andreolli, Raumumwelt GmbH, Geoconsult GmbH

COMMITTENTE:

Provincia Autonoma di Trento

IMPORTO LAVORI:

700 ml

DATA:

2012 – 2013

BANDO METROLAND – PROGETTO LINEA AZZURRA: 1° CLASSIFICATO

Ingenium è la società di ingegneria che ha costituito, coordinato il raggruppamento che ha vinto il bando promosso dalla Provincia di Trento per la progettazione della rete ferroviaria diffusa della Provincia di Trento ed in particolare per il collegamento Rovereto, Riva del Gardai e Tione di Trento. Il raggruppamento vincitore comprendeva oltre ad Ingenium (con le associate Eng Group srl e Ingegneri Patscheider & partner srl), Idroesse Infrastrutture srl, Geodata Engineering SpA, lo studio dell’Arch. Walter Dietl, lo studio dell’Ing. Giulio Andreolli e le società austriache Raumumwelt e Geoconsult. Il concorso è stato mirato a verificare l’ipotesi progettuale di una “rete ferroviaria diffusa” a servizio di quella parte di Trentino che comprende le valli Giudicarie, l’Altogarda e la Vallagarina. Questo per dare una risposta alla necessità di mobilità alternativa a persone e merci leggere. Il percorso ipotizzato è prevalentemente in galleria, riducendo al minimo la realizzazione di tratte all’aperto, per limitare il più possibile gli impatti diretti dell’opera. Altresì sono limitati i punti di fermata e di stazione per garantire rapidità negli spostamenti, tramite l’individuazione di punti nodali di valle sui quali garantire l’attestamento della mobilità locale valliva. Il tracciato parte da Rovereto e si stacca poco a sud dalla linea storica attraversando l’Adigecon un tratto molto breve all’aperto, prosegue, in galleria fino alla prima fermata nella valle del Basso Sarca e da qui risale, sempre in galleria, verso la fermata di Comano Terme e termina in vicinanza di Tione.